10 Aprile 2021

Come usare uno studio fotografico e un kit di illuminazione

By admin

Se stai pensando di allestire uno studio fotografico, allora dovresti davvero pensare all’acquisto di uno studio fotografico di qualità e di un kit di illuminazione. Un kit ti costerà sostanzialmente di più rispetto all’acquisto di singoli articoli, ma un kit di qualità ti darà molti ottimi strumenti che renderanno il tuo lavoro più facile e più professionale. Alcune cose chiave da cercare quando acquisti un kit includono: -Un diffusore a doppia faccia per creare effetti drammatici nelle tue foto -Un monitor da studio per visualizzare le tue fotografie e fornisce uno sfondo per le tue fotografie -Flash per creare illuminazione generale o di zona nelle tue fotografie -Un interruttore dimmer che può controllare la luminosità delle luci nel tuo studio e produrre effetti di luce sottili nelle tue fotografie -Un mini-amplificatore che può essere utilizzato per lavori come la fotografia di ritratto o per fare piccoli vasi di fiori.

Anche solo per informarti visita questo sito internet

Le due parti principali di uno studio fotografico e di un kit di illuminazione sono l’impianto di illuminazione di base e i riflettori fotografici. L’impianto di illuminazione è dove la luce principale del kit sarà diretta e questo deve essere installato nel punto giusto per evitare ombre o controluce. Apparecchi di illuminazione come una lampada da soffitto o da tavolo sono perfetti per questo. I riflettori fotografici sono anche chiamati “riflettori” e sono un sottile pezzo di plastica o di metallo che viene utilizzato per catturare la luce che si riflette sulla foto e la fa rimbalzare indietro nello studio. Il rimbalzo della luce riduce o minimizza l’effetto “morte” causato dalle dure luci dirette.

Un’altra parte importante di uno studio e dell’illuminazione è il treppiede da studio fotografico e le luci fotografiche. La maggior parte degli studi professionali hanno un mini treppiede al secondo piano che viene usato spesso per fotografare oggetti in scala ridotta come carte e bottoni. Altri oggetti di scena come un mini treppiede da 16 e cartoncini bianchi di solito hanno bisogno dell’illuminazione da studio per creare ombre e per creare una specifica profondità di campo.